Questa nostalgia di un tempo che,forse,non c’è mai stato, di quando mi guardavi e assieme a pieni polmoni ci immergevamo fino in forndo nel più felice dei nostri sentimenti.
ricordi?
tutti i sacrifici, gli schiaffi le ragioni del torto ci passavano oltre senza sporcarci perchè eravamo sicuri che un giorno sarebbero finite.
ti manco?
non piangere ti prego,io non ci sono e purtroppo non posso fare altrimenti,se avessi ancora voce ti urlerei di smetterla di tormentarti e di guardare dritto negli occhi del nemico,quel nemico subdolo e invisibile che è dappertutto e perciò da nessuna parte.dritto negli occhi senza mai abbassare lo sguardo,perchè noi non abbiamo nulla di cui vergognarci,nulla per cui sentirci in colpa.
pagheranno un giorno forse troppo lontano e non ci darà nessuna soddisfazione vederli cadere,perchè sarà sempre troppo tardi,ma potremo immaginare un futuro meno crudele di questo presente fatto di privazioni e sottomissione.
io non sono nessuno,ma so che ti manco.
manco a molti di voi,come molti di voi mancano a me,come mi manca la vita.ma sono felice di incendiare di rabbia i vostri respiri e so che non sarà inutile perchè vale almeno la pena provarci,vale almeno la pena avere una possibilità,vale almeno la pena caricare di orgoglio i nostri polmoni.e che si alzi il sipario.

Con le ultime rivolte oltre oceano, abbiamo sperimentato come a duecento anni di distanza la giustizia e il manico del coltello continuano a stare sempre dalla parte del potere e mai dalla nostra.
Il caso di George Floyd è uno tra i mille casi che conosciamo, pari sicuramente a tutti quelli che non fanno notizia o non entrano per facili combinazioni nel grande carrozzone delle rivolte dal basso.
Ora, tutti e tutte a gridare a gran voce per il movimento blm, perché sappiamo bene che è più facile guardare lontano una città in fiamne, piuttosto che essere i fautori di tale incendio.
Ricordiamoci pure i nostri morti per colpa dello stato e che mai avranno una reale giustizia.
Le liste dei caduti le lasciamo tranquillamente a chi con tono tronfio o all’occorrenza petulante parla attraverso le telecamere dimostrandoci una volta di più che la loro realtà,
non è la nostra realtà.
Poco tempo fa nel carcere di Modena i mostri che avreste dovuto tenere a bada hanno ammazzato altri mostri, quelli delle periferie. L’omertà di tutti gli apparati verso questi omicidi è una chiara intenzione di guerra verso gli ultimi,che siano detenuti/e clandestini/eo compagni e compagne, disabili, o fasce deboli come infanti o anziani.
Quindi ora ci domandiamo se serva realmente guardare così lontano per avere esempi di abusi per acutizzare il nostro dolore e la nostra rabbia oppure, visto pure il momento ci desteremo e cercheremo di capire come uscire da tutto questo, magari guardando una città in fiamme ma non solo su uno schermo, ma con un bagliore negli occhi.

su BANDCAMP il download gratuito.

This entry was posted in HC punx. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.